“Discovery Gubal”

“Discovery Gubal”

Lo stretto di Gubal offre numerosi reef e lagune che, soprattutto nel versante del Sinai, sono poco conosciuti e poco frequentati dai subacquei, certo non perché inferiori riguardo alla bellezza dei paesaggi e alla ricchezza e varietà delle immersioni che si possono effettuare. Infatti, uscire fuori dalle rotte più note e più frequentate della costa di Sharm e di Hurgada vuole dire navigare in solitudine verso posti ameni, godersi i colori delle lagune che contrastano con il deserto e le lingue di sabbia che le circondano e, fare incontri emozionanti con pesci e mammiferi che come noi si rifugiano qui infastiditi dall’eccessiva mondanità di Sharm.

Le zone di immersione sono numerose e i loro nomi, non essendo inseriti nella lista ufficiale dei “diving site” mantengono l’originale nome attribuito dalla popolazione locale dei beduini con la relativa difficoltà di traduzione (El Dahara, El Boom, Shaab Ali, Shaab el Durk…).

Alcuni punti sono sconosciuti e li scopriremo assieme con l’ausilio di GPS ed ecoscandaglio.

A seconda delle zone, potremo vedere squali leopardo o grandi pastinache, cercare, gobidi o pesci falco, osservare pesci pelagici (squali, barracuda, carangidi e tunnidi), visitare i numerosi relitti di cui la zona è ricca o infine godere i colori della barriera, qui quasi incontaminata e della miriade di pesci che la popolano.

Per concludere la settimana dedicheremo quindi un paio di giorni immergendoci in alcuni siti, famosi in tutto il mondo come il relitto del Thistlegorm, con la sua storia; Shark e Yolanda nel Parco Marino di Ras Mohammed, con la sua adrenalinica parete verticale che scende sino ad 800m e dove ogni incontro è possibile!; Beacon Rock con i suoi relitti (Dunraven e Fraiser); e, tempo permettendo altri meno conosciuti ma altrettanto affascinanti come il Kingstone, un piccolo relitto a bassa profondità stracolmo di ogni sorta di vita marina, nel piccolo reef di Shag Rock; Small Crack unica pass nella zona di Sharm ricca di banchi di pesci eccitati dalla corrente dove potrete ammirare quasi ogni specie di pesce di barriera di del Mar rosso; Alternatives con i suoi pinnacoli; la spettacolare laguna di El Dahara con la sua lingua di sabbia bianchissima che scompare con l’alta marea e tanto altro ancora.

Inoltre prima del tramonto guarderemo l’orizzonte per cercare i grandi banchi di delfini selvatici che popolano alcune di queste aree che, particolarmente amichevoli, con un po’ di fortuna ci regaleranno l’esperienza unica di fare il bagno e giocare con loro.

Particolarmente per questo itinerario, le zone che riusciremo a visitare dipenderanno anche dalle condizioni meteo-marine del momento.

Tutti i giorni sarà possibile praticare snorkeling, fare piccole escursioni in gommone e naturalmente godersi in relax il sole e gli splendidi paesaggi nei quali saremo immersi, un’esperienza che non farà minimamente annoiare neanche chi non fosse subacqueo.

Il sabato, nel pomeriggio, gustandoci gli ultimi gustosi snacks preparatici dal nostro cuoco, rientreremo in porto dove pernotteremo e per chi lo vorrà la sera sarà l’occasione per visitare Sharm, fare qualche compere e cenare in qualche grazioso e selezionato locale.

La mattina di domenica, in base al vostro orario di rientro, dopo la colazione ed i saluti di rito, organizzaremo il transfer per l’aeroporto su bus privato.

2016-03-24T18:04:37+00:00

Scrivi un commento